Chi è “il Pedagogista”

Il Pedagogista è l’ esperto dell’educazione

Educare significa aiutare una persona, di qualsiasi età (non solo bambini), a far emergere, da dentro, gli aspetti positivi che possiede per migliorare la vita e affrontare eventuali disagi.

ASCOLTA-SOSTIENE E PIANIFICA CONCRETAMENTE LA STRADA PER POTENZIARE LA PERSONA

Il Pedagogista opera professionalmente nei seguenti ambiti: scolastico, sociale, del welfare, ambientale, culturale, motorio, della salute, del lavoro, giudiziario, dello sviluppo delle comunità locali, della cooperazione internazionale. Il Pedagogista si occupa di progettazione, programmazione, organizzazione, coordinamento, gestione, monitoraggio, valutazione, consulenza, supervisione e della qualità pedagogica dei servizi e dei sistemi pubblici e privati di educazione e formazione. Si occupa inoltre di azioni pedagogiche rivolte a singoli soggetti.
Il Pedagogista, svolge le seguenti attività pedagogiche:
a) progetta, realizza e valuta interventi e trattamenti educativi e formativi diretti alla persona in diversi ambiti e servizi;
b) effettua la ricognizione, rilevazione, analisi, interpretazione e valutazione funzionale di tipo pedagogico e collabora, per quanto di sua competenza, al lavoro delle équipe plurispecialistiche;
c) progetta, programma, coordina, gestisce e valuta piani di formazione permanente.
d) progetta, gestisce, coordina e valuta servizi e sistemi di formazione professionale e manageriale;
e) realizza interventi di orientamento pedagogico e di lifelong guidance oltre che di consulenza, bilancio di competenze e inserimento lavorativo;
f) coopera alla definizione delle politiche formative;
g) offre consulenza per la pianificazione e gestione di servizi di rete nel territorio;
h) offre consulenza per l’attuazione dei sistemi integrati per la gestione e la valorizzazione delle risorse umane e lo sviluppo di competenze;
i) coordina servizi educativi e formativi territoriali.

Il Pedagogista opera, anche in regime libero professionale all’interno dei seguenti servizi educativi e formativi, pubblici e privati:
a) servizi educativi di accompagnamento alla crescita e all’autorealizzazione di individui e gruppi:
b) servizi educativi alla prima infanzia;
c) servizi educativi per la tutela, la prevenzione del disagio e la promozione del benessere per gli adolescenti;
d) servizi di Consulenza Tecnica d’Ufficio in particolare nell’ambito familiare;
e) servizi educativi scolastici ed extrascolastici per l’inclusione e la prevenzione del disagio in contesti socio-territoriali svantaggiati;
f) servizi per anziani e servizi geriatrici;
g) servizi educativi di promozione al benessere e alla salute;
h) servizi di educazione formale e non formale per gli adulti;
i) servizi educativi ludici, artistico/espressivi motori e del tempo libero dalla prima infanzia all’età adulta;
j) servizi educativi rivolti alla tutela, prevenzione del disagio e inclusione sociale con gruppi svantaggiati e minoranze;
k) servizi per la socializzazione di gruppi, comunità sociali, culturali e territoriali;
l) servizi di educazione ambientale e ai beni culturali per la conoscenza, la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio;
m) servizi educativi per le tecnologie informative, comunicative, multimediali;
n) servizi educativi nei contesti lavorativi e in particolare nella formazione, collocamento e inserimento lavorativo, consulenza, orientamento e bilancio di competenze;
o) servizi di rieducazione e di risocializzazione volte al recupero e al reinserimento dei soggetti detenuti nella vita sociale;
p) servizi educativi allo sviluppo umano locale nelle comunità territoriali e alla cooperazione internazionale;
q) servizi educativi per le pari opportunità;
r) servizi educativi per la genitorialità;
s) servizi per l’aggiornamento e la formazione iniziale di educatori e pedagogisti.
Le attività del Pedagogista sono svolte anche in regime libero professionale, all’interno delle seguenti organizzazioni e sistemi pubblici, privati, accreditati e non:
a) Istituzioni scolastiche del sistema dell’istruzione e formazione
b) Istituzioni e organizzazioni sociali dei sistemi del welfare
c) Associazioni, centri e strutture del sistema dei beni ambientali e culturali
d) Associazioni e centri di servizi motori, sportivi, ludici e del tempo libero
e) Associazioni e agenzie del sistema produttivo e del mondo del lavoro
f) Associazioni e strutture giudiziarie del sistema penitenziario
g) Associazioni e agenzie di sviluppo locale del sistema della cooperazione internazionale
h) Consultori e CAPS (Centri di Aiuto Psico-sociale)
i) Enti pubblici
j) Centri territoriali per l’educazione permanente (CTP, CPIA)
k) Enti di Formazione e Consorzi di Formazione
l) Aziende
m) Società di Consulenza
n) Agenzie formative accreditate e non
o) Ordini professionali